Catania e l’amore per il suo “cigno”